Pubblicato il

Banksy: il giorno di apertura di Dismaland non c’era nessuno più deluso di me — parla Banksy (intervistato da un tabloid britannico, tradotto da Bizzarro! in italiano)


Perché il mondo ha bisogno di Dismaland? Che cosa ti ha spinto a creare questo “parco a tema” — e come hai trovato la location?

Si tratta di un esperimento, di offrire qualcosa di meno normalizzante rispetto al parco di divertimenti medio. Per qualche motivo è stato etichettato come “contorto” ma non l’ho mai pensato così. Abbiamo costruito un’attrazione per le famiglie che riconosce la disuguaglianza e la catastrofe imminente. Direi che sono i parchi a tema che ignorano queste cose ad essere quelli “contorti”.

La location tutto sommato è stata facile da trovare — sono venuto qui [a Weston-super-Mare, n.d.R.] ogni estate per i primi 17 anni della mia vita.

dismaland


Che problemi hai con la Disney? Di recente sei stato costretto a vedere troppe repliche di Cenerentola? Che effetto pensi abbia la Disney sulle giovani menti?

Non ho un problema con la Disney. Non sono un hipster, non credo che qualcosa sia malvagio o vacuo semplicemente perché popolare. Il fatto di aver utilizzato il brand Dismal-Land (parafrasando Disney-Land) non è «contro» la Disney, ma fa riferimento a una cornice generale. Accettiamo il fatto che realizzare arte vuol dire lavorare nell’intrattenimento «light», ma almeno la prendiamo da sinistra.

In realtà la Disney fa anche cose di qualità, la sequenza Let it Go (da Frozen) è brillante — il “viaggio” tra l’inizio e la fine dei tre minuti di canzone è oro puro, cinematograficamente parlando.


Quali sono stati i criteri per gli artisti che sono inclusi? Come li hai trovati? Vi siete incontrati per parlare del progetto?

Ho scritto a tutti via email. Solo due di quelli che ho contattato hanno rifiutato.


Hai detto che questo lavoro è “post-modem“, che cosa vuoi dire con questo?

Il termine mi è venuto in mente qualche tempo fa e ora sto disperatamente cercando di capire che cosa significhi. Post-modem è un’arte ad elevato potenziale di click, un’arte che chiede di essere condivisa. In genere questo le richiede di avere almeno due aspetti: “ricamo — sui cofani delle macchine” o “un fungo atomico — che è anche una casa sull’albero”. Penso che internet metta maggiore pressione sull’arte. Si potrebbe pensare che questo approccio sia ingannevole, un trucco se volete; ma così non si coglie il punto. Abbiamo un nuovo mezzo per la condivisione di immagini che premia la novità, l’intuizione e l’umorismo, ma riconosce anche l’abilità tecnica, che l’arte moderna ha ignorato per cinquant’anni.


È interessante la dimensione del progetto Dismaland. Adesso che i tuoi lavori appaiono in musei e che si realizzano dei parchi a tema, puoi ancora essere definito uno street artist?

Dismaland non è una mostra di street art. È modellata sui quei tristi parchi a tema natalizi che spuntano ogni dicembre — dove incollano delle corna a un pastore tedesco per fargli fare la renna e spruzzano tutto di neve finta. È ambizioso, ma fa anche schifo. Penso che ci sia qualcosa di molto poetico e di molto britannico di tutto questo.


Sulla “guest list” degli artisti che partecipano a Dismaland c’è anche Damien Hirst. Dovresti essere un outsider dell’art system, cosa ci fa nella mostra il golden boy degli YBA?

In realtà non volevo includere Damien Hirst nella mostra, Dismaland non ha certo bisogno del suo timbro di convalida o di qualsiasi cosa possa venire dall’avere il suo nome tra gli ospiti. Ma quando stai organizzando una mostra d’arte in riva al mare e sai che esiste la scultura di una palla da spiaggia che un getto d’aria compressa tiene sospesa su 50 affilati coltelli da bistecca, beh, è ​​necessario includerla. Quel pezzo è così poetico e tecnicamente ben realizzato. Questa mostra è ricca di tanti nuovi e interessanti artisti che sarebbe un vero peccato se ci si focalizzasse solo su Damien Hirst. Ma non si può discutere con l’opera. È più grande di quello che si pensa di lui, o di ciò che si pensa del mondo dell’arte, o anche di quello che lui pensa di se stesso. È un’opera perfetta e perfettamente realizzata.

Damien-Hirst-at-Dismaland-via-The-Guardian


Vogliamo allargare un po’ il discorso? Cosa pensi dovremmo dire alle future generazioni su questo mondo? Se tu fossi un papà cosa vorresti dire ai tuoi figli circa il tema dei rifugiati nel Mediterraneo? O su una società sotto sorveglianza, che baratta la privacy con la sicurezza. O su Jeremy Corbyn, per dire?

Nello stagno di Dismaland puoi provare a far navigare una barchetta controllata da un radiocomando che ha però un controllo casuale — in pratica mentre continui a provare ti rendi conto di non avere alcun controllo sul tuo destino, e passi dall’essere un richiedente asilo all’essere un ricco occidentale.
La mia generazione è stata la prima alla quale i mass media hanno portato i problemi del mondo in tempo reale. Mi ricordo i fagioli al forno che si raffreddavano nella mia bocca mentre Newsround mostrava le immagini delle mosche che passeggiavano sui volti dei bambini africani. Per lo più abbiamo scelto di affrontare questa situazione isolandoci, in modo da convivere con il senso di colpa. Ma perché un bambino dovrebbe immunizzarsi all’idea che sia assurdo che per mantenere il nostro stile di vita altri bambini devono affondare nel mediterraneo? Gli adulti si sono convinti che sia sufficiente qualche piccolo cambiamento omeopatico, come l’acquisto di pomodori biologici, ma passare questa mentalità alla prossima generazione non è essere buoni genitori.

migrant-boats-dismaland-banksy-theme-park-europe


Dismaland è qualcosa che si ripeterà? Potrebbe diventare un’attrazione permanente? Data la grande richiesta, vuoi prolungarne la durata?

Non posso prolungare il periodo di apertura per problemi tecnici. Abbiamo strutture piuttosto alte che sono state costruite e certificate per un certo tipo di meteo. Può diventare ventoso da quelle parti, e siamo assicurati solo fino all’ultimo giorno di settembre.


Qual è stata la cosa migliore nell’aprire il parco, e quale la peggiore? So che vi aspettavate una reazione scioccata da parte del pubblico, ma non sembra essere così… l’accoglienza è stata diversa da come ve l’aspettavate?

Ci sono state alcune difficoltà iniziali. La prima settimana avevamo la security “vera” che faceva entrare le persone prima della security “ironica”, e questo non ha funzionato un granché, ha smussato troppo i toni della satira. Ma è interessante vedere cosa i bambini sono disposti ad accettare con tranquillità, questa cosa è fin troppo sottovalutata. È anche affascinante constatare che mostrare veri problemi alle persone, non le deprimer ma le incoraggia.
Devo tuttavia ammettere che il primo giorno mi sono mischiato al pubblico e ho girato per Dismaland e non c’era nessuno più deluso di me. Penso che l’intera operazione possa essere stata viziata da un errore di fondo. Quando confezioni una mostra d’arte come un parco dei divertimenti stai alzando molto l’asticella dell’aspettativa nella gente. Il lancio di Dismaland firma un assegno che l’evento non è in grado di incassare. Ero lì che guardavo la scultura di Ben Long — un cavallo costruito con tubi innocenti — un pezzo che in una sala del Victoria & Albert Museum avrebbe sconvolto il pubblico, e una signora accanto a me ha chiesto al marito «ma fa qualcosa?». In quel momento ho realizzato che l’intera premessa di Dismaland era sbagliata, che ero andato troppo oltre, e che eravamo passati dall’avere una buona mostra d’arte all’avere un mediocre parco dei divertimenti. Voglio dire, chi guarda un Henry Moore alla Tate non chiede «ma fa qualcosa»?

Ben-Long-Stallion-for-Dismaland.-Photo-via-Juxtapoz


Perché Jonathan Jones del Guardian è così critico nei tuoi confronti? Avrei pensato che quello del Guardian sarebbe il tuo pubblico naturale… cosa rispondi alla sua accusa che la tua arte è facilona e monodimensionale?

A un sacco di critici non piace questo tipo di arte, perché non richiede la loro convalida o interpretazione. Non c’è niente da fare per loro, qui.
Non sono d’accordo con l’accusa che l’arte sia un male se è troppo facile da capire. In altre forme di espressione non è così, nella musica, per esempio, l’essere diretti ed espliciti è un bene. Sarebbe complicato spiegare alle persone che solo l’Opera è “vera musica”. Penso che ci sia spazio per un’arte forte, rozza ed ovvia. Se poi quello che ne risulta sembra solo il prodotto di un adolescente arrabbiato, cosa c’è di sbagliato? Che cosa c’è di sbagliato nel punk? Per quanto mi riguarda ci sono troppe cose che dobbiamo discutere nel mondo reale prima che io inizi a fare arte astratta.


Raccontaci un po’ del processo di creazione di Dismaland, quando hai avuto l’idea? Da quanto ci stai lavorando?

Siamo un gruppetto di persone che ci lavora da circa sei mesi. Sono passati sei mesi per una manciata di noi. Ed è difficile rimanere concentrati — abbiamo trascorso tre settimane scolpendo le ruote in schiuma di lattice per la carrozza di Cenerentola e nessuno ci fa caso. C’è voluto un altro mese per far funzionare le barche telecomandate, una volta che sono state riempite di persone.


Avete avuto problemi da parte della Disney?

Penso che siamo coperti dalle nuove leggi a favore della satira che sono state introdotte nel Regno Unito lo scorso ottobre. Dodici mesi fa avrebbe potuto essere diverso.


Che cosa vogliono dire i palloncini con la scritta “Io sono un imbecille”? Non è state guardando la cultura popolare dall’alto in basso?

Dovresti chiedere a David Shrigley cosa significano quei palloncini — è una sua opera. Tutto quello che so è che mi è venuto da sorridere al pensiero di un bambino di sette anni, che si teneva stretto questo palloncino sul treno, mentre tornava a casa.

I-am-an-imbecile-balloons-replace-the-popular-Mickey-Mouse-balloons1


Se tu fossi il primo ministro che cosa sarebbe la prima cosa che faresti?

Abolirei l’ereditarietà.


Quale vorresti che fosse il tuo epitaffio?

Non mi importa dei posteri, vorrei essere ricordato per questo.


Qui l’intervista originale.
Qui la nostra copertura dell’evento “Dismaland”


La nostra lista della spesa:

 

Comments

comments