František Drtikol: art nouveau, modernismo, teosofia e tanto erotismo

František Drtikol (1883-1961) è stato uno dei fondatori della fotografia modernista ceca e una figura fondamentale nella fotografia ceca prima della Seconda guerra mondiale.

František Drtikol

Ora riconosciuto come un maestro moderno, Drtikol ha prodotto un corpus monumentale di opere – dai primi ritratti e paesaggi pittorialisti e Art Nouveau agli influenti studi sul nudo degli anni Venti e Trenta – che hanno stabilito in modo permanente il suo posto nella storia della fotografia.

Figlio di un droghiere della città di Príbram, nella Boemia centrale, Drtikol si è mostrato promettente nel disegno e nella pittura. Desiderando vedere suo figlio entrare in una professione più pratica, il padre di Drtikol ha organizzato un apprendistato con un fotografo locale, Antonín Mattas.

Durante i tre anni successivi, Drtikol ha imparato le basi del lavoro fotografico, ma ha potuto dedicare poco tempo alla propria fotografia. Nel 1901, all’età di 18 anni, Drtikol ha completato il suo apprendistato e lasciato casa per frequentare l’Istituto di insegnamento e ricerca di fotografia di Monaco. Il corso di studi biennale presso l’Istituto ha posto le basi per l’intera carriera di Drtikol come artista.

All’epoca Monaco era una fiorente capitale dell’arte tedesca e uno dei maggiori centri europei del simbolismo e dell’Art Nouveau. Gli aspetti di entrambi i movimenti hanno coinvolto Drtikol per tutta la sua vita.

Nel 1907, dopo diversi anni di viaggi e lavoro per altri fotografi, Drtikol torna a Príbram per aprire il proprio studio fotografico, che trasferì poi a Praga nel 1910.

In quegli anni, mentre si guadagna da vivere con la fotografia di ritratto personalizzata in stile Art Nouveau, sperimenta la stampa a olio e gomma e altre tecniche pittorialiste, producendo paesaggi lirici e alcuni dei primi nudi d’arte prodotti in Boemia. Alla fine, il nudo sarebbe diventato il modo principale di espressione fotografica di Drtikol.

Negli anni Venti sviluppa lo stile unico per il quale è più conosciuto, utilizzando motivi scultorei cubisti e Art Déco, elementi di danza espressionista e ingegnosi motivi geometrici di ombre e luci per creare nudi dinamici in cui il corpo diviene un motivo puramente estetico ed erotico.

Nel 1935, Drtikol abbandona la fotografia e si dedica alla pittura e agli studi teosofici e buddhisti.


Per approfondire, l’editore francese Actes Sud gli ha dedicato un volume della sua popolare collana Photo poche (acquistabile qui)


Inoltre è ancora disponibile il bel volume che l’editore Torst ha pubblicato una decine di anni fa (testo in inglese, acquistabile qui)