Pubblicato il

Le più belle mostre d’arte di questo autunno (senza lasciare l’Italia, s’intende)

In Italia se c’è una cosa che non manca questa è l’arte (quantomeno quella mainstream, QUANTOMENO gli impressionisti, che proseguono il megatrend dello scorso anno). Questo autunno una serie di grandi mostre si affaccia lungo tutto lo Stivale. Eccole qua riunite: buona visione!

E se chiedete a Bizzarro!, sappiate che noi tifiamo Balthus.


la-grande-madre

Palazzo Reale di Milano ha inaugurato il 25 agosto scorso, l’attesa rassegna La Grande madre, con 400 capolavori che portano sulla scena una riflessione dalle Avanguardie a oggi sulla raffigurazione della maternità. A cura di Massimiliano Gioni. (Fino al 15 novembre).

Informazioni qui.

Catalogo qui:


2015_giotto_italia.jpg_132714667

Il 2 settembre scorso — sempre a Milano, al Palazzo Reale — ha aperto un’altra importante mostra, Giotto e l’Italia. Riunite per la prima volta tredici opere, tra cui figurano la Maestà della Vergine da Borgo San Lorenzo, Dio Padre in trono dalla cappella degli Scrovegni e il polittico Stefaneschi). (Fino al 10 gennaio 2016).

Informazioni qui.

Catalogo qui:


giacomo-balla-forze-di-paesaggio-cocomero-tempera-su-carta-intelata

Dopo tanta arte antica arriviamo a quella del Novecento con la mostra Giacomo Balla. Astrattista Futurista, che si snoda dal primo periodo figurativo alla grande avventura del Futurismo, con dipinti, sculture, disegni, pastelli. Dal 12 settembre alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma). (Fino all’8 dicembre).

Informazioni qui.

Il catalogo non è disponibile, ma questo è un buon libro su Balla:


Lucas-Cranach-Salome-copyright-Museum-of-Fine-Arts-Budapest-816x460

Il 17 settembre torniamo a Milano e torniamo a Palazzo Reale (quante ne fanno!) dove parte Da Raffaello a Schiele. Iniziativa che porta nella città dell’Expò i capolavori del Museo di Belle Arti di Budapest, tra cui figurano quelli di Raffaello, Tintoretto, Durer, Velasquez, Rubens, Goya, Canaletto, Manet, Cezanne, Gauguin. (Fino al 7 febbraio 2016).

Informazioni qui.


22fcdfb42f348d32359cbdb801f921628ae3499

Lo scultore Henry Moore, scomparso nel 1986, è invece di scena a Roma, con un’attesissima retrospettiva alle Terme di Diocleziano dal 24 settembre, che propone 75 opere provenienti dalle collezioni della Tate Gallery. (Fino al 10 gennaio 2016).

Informazioni qui.

Il catalogo non è disponibile, ma se ve la cavate con l’inglese, questo è il miglior libro su Moore che ci sia:


banner-760-2851

Sempre il 24 settembre, a Firenze, prende il via a Palazzo Strozzi La Bellezza Divina tra Van Gogh, Chagall e Fontana, rapporto tra arte e sacro attraverso oltre cento opere di artisti quali Casorati, Severini, Guttuso, Vedova, Munch, Picasso e Matisse. (Fino al 24 gennaio 2016).

Informazioni qui.


2._Casorati_Persone_1910

I Musei Eremitani di Padova celebrano un altro grande moderno con Il giovane Casorati, a partire dal 25 settembre. (Fino al 10 gennaio 2016).

Informazioni qui.


impressionisti

Il Palazzo Reale di Genova ospiterà, dal 25 settembre, la mostra Dagli Impressionisti a Picasso, che apre la serie delle rassegne dedicate al movimento francese grazie a cinquanta opere provenienti dal Detroit Institute of Arts, di Monet, Van Gogh, Gauguin, Cezanne, Renoir, Degas, Picasso, Modigliani, Matisse, Kandinsky e molti altri. (Fino al 10 aprile 2016).

Informazioni qui.


monet-33

A Torino di scena Monet, dal 2 ottobre alla Gam, con un nucleo di opere proveniente dalle raccolte del Musée d’Orsay, e oltre quaranta tele mai presentate prima in Italia. (Fino al 31 gennaio 2016).

Informazioni qui.

PS c’è un bel libro per bambini su Monet:


timthumbRoma, dal 15 ottobre, il Complesso del Vittoriano ospita Impressionisti Tete a Tete, con capolavori di Manet, Renoir, Degas, Pissarro e Cezanne. (Fino al 7 febbraio 2016).

Informazioni qui.


2015_08_26_15_51_59

Dal 16 ottobre arriva al Palazzo Blu di Pisa il genio poliedrico di Toulouse Lautrec con la mostra Luci e ombre di Montmartre. (Fino al 14 febbraio 2016).


bal-katia-reading-1974Tornando a Roma da metà ottobre due sedi di prestigio, le Scuderie del Quirinale e Villa Medici, segnano con una retrospettiva il ritorno della pittura insondabile e scandalosa del Maestro Balthus, testimoniata da circa duecento opere provenienti dalle maggiori collezioni internazionali. (Fino a gennaio 2016).

Informazioni qui.


Modular_30_ 014

Dal 24 ottobre, al Palazzo Zabarella di Padova, si può ammirare la lezione macchiaiola ed eroica di Giovanni Fattori. (Fino al 23 marzo).

Informazioni qui.


elgreco-webcarraresi

Alla Casa dei Carraresi di Treviso inizia, il 23 ottobre, l’attesa mostra El Greco e l’Italia. Metamorfosi di un genio(Fino al 10 aprile 2016).


divisionismo

Dal 30 ottobre è di scena a Verona la mostra Seurat-Van Gogh-Mondrian. Il Divisionismo in Europa, con 80 capolavori provenienti dal Kroller Muller Museum. (Fino al 13 marzo 2016).


ferrara_de_chirico_2

Last but not least, De Chirico a Ferrara 1915-1918. Pittura metafisica e avanguardie europee, una roba per palati raffinati a Palazzo dei Diamanti di Ferrara, a partire dal 14 novembre. (Fino al 28 febbraio).

Informazioni qui.


bird-trap-1

UPDATE: E Brughel a Bologna non ce lo vogliamo mettere? Certo che sì, avevamo colpevolmente scordato l’evento: a partire dal 2 ottobre (Palazzo Albergati) il Maestro fiammingo sarà in mostra con Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga. (Fino al 28 febbraio 2016).

Informazioni qui.

 

Comments

comments