Daniela Comani: La dottoressa Zivago, il deserto delle tartare e altre storie di genere

The Beginning The End è il titolo del progetto di Daniela Comani, artista bolognese, classe 1965, che vive e lavora a Berlino dalla fine degli anni 80.

È un progetto originale, creativo e sicuramente ambizioso: Daniela Comani infatti, ha messo insieme, in un’unica opera, la prima e l’ultima frase di 212 romanzi della narrativa classica, contemporanea e di genere.

L’iniziothe beginning,  segue la struttura di un collage e dà vita a una nuova storia data dagli incipit dei testi ordinati seguendo un senso logico di narrazione; La fine – the end, invece, diventa una storia di coincidenze nata dalla sequenza di tutte le corrispettive ultime frasi.

Il risultato è quello di un’opera divisa in due parti speculari, L’inizio e La fine, che si incontrano nell’esatta metà del volume stesso.

In alcuni casi, l’artista ha scelto di ricorrere a un artifizio, adattando cioè la citazione e portando la frase in prima persona, come atto di appropriazione. Questi alcuni esempi:

“Ero una vecchia che pescava da sola su una barca a vela nella Corrente del Golfo ed erano ottantaquattro giorni ormai che non prendevo un pesce.” (da Il vecchio e il mare di Hemingway)

“Una mattina, destandomi da sogni inquieti, mi trovai mutata in un insetto mostruoso.” (da  La metamorfosi di Kafka)

L’esposizione, che segna l’uscita del nuovo artist book The Beginning The End / L’inizio La fine, edizione Monroe Books, Berlino (disponibile nella versione italiana) sarà in mostra fino al 2 aprile presso la Galleria Studio G7 di Bologna.