Guy Colwell, autore di “Inner city romance” in mostra alla Luz de Jesus di Los Angeles

Guy Colwell Litter Beach feat

Guy Colwell, di cui questa casa editrice ha appena pubblicato il capolavoro Inner city romance, aprirà una sua personale il prossimo Primo maggio presso la celebre galleria Luz de Jesus.

Ecco il comunicato della mostra:

La galleria Luz de Jesus è lieta di presentare Challenger, una serie di otto grandi dipinti con una serie di opere più piccole su carta di Guy Colwell (definito Figurative Social Surrealist, ndT). Questa è la seconda mostra personale di Colwell con la galleria. I dipinti della mostra Challenger esaminano la plasticità delle gerarchie umane implementate dagli standard sociali prima e dopo l’inizio del Coronavirus.

Soggetti dalla mentalità-alveare e compiacenti, alcuni in piedi spalla a spalla, si trovano in ambienti comuni familiari. Come i soggetti nelle opere, i dipinti stessi pendono anormalmente vicini tra loro nella galleria. E laddove queste raffigurazioni sarebbero in passato state considerate un semplice inconveniente, sono ora per legge considerate una violazione delle distanze sociali.

Un secondo sguardo ai dipinti rivela il commento strategico di Colwell. Ai margini del Pacifico sovrappopolato e sovra-inquinato dell’opera “Litter Beach”, un cartello recita pragmaticamente “No Swimming”. Una volta un commento su un falso senso di sicurezza e poca redenzione per la razza umana, “Litter Beach” può ora essere contestualizzato come un riflesso profetico della dissociazione della società dall’obbedienza agli attuali standard sociali di indossare la maschera.

Anche il dipinto emotivamente impegnativo degli homeless intitolato “Accampamento” ricorda un tempo più semplice nel caos. La sua ampia inclusione di razze, etnie e generi ricorda al visitatore che questa situazione non si può risolvere senza l’impegno di tutti.

Un pezzo di carta che recita “Linee guida per il distanziamento sociale” giace sotto i piedi di una folla nel dipinto di scena del night club intitolato “Saturday Night Selfie”. In “Crosswalking”, lo schermo del telefono di un uomo dice “New Vaccine” mentre un gruppo di civili claustrofobicamente attraversa la strada. In entrambi i dipinti le mascherine sono rare o inesistenti.

Guy Colwell Saturday Night Selfie

Un commento al passato, uno sguardo contestualizzato al presente e forse un presagio per il futuro, i dipinti di Colwell riflettono il discorso sociale in continua crescita che emerge ogni volta che appare un nuovo standard sociale.


Guy Colwell è nato a Oakland, in California nel 1945 e ha studiato per un breve periodo al California College of Arts and Crafts dove dopo due anni ha deciso di perseguire una posizione alla Mattel come scultore. Poco dopo, Colwell è stato condannato a due anni di prigione federale sull’isola McNeil per aver rifiutato la leva per la guerra del Vietnam. Dopo il suo rilascio, Colwell è tornato al CCAC come addetto alla manutenzione e ha continuato a dipingere al di fuori dell’istituto. Dal 1972 al 1978 disegna il commovente fumetto di culto di Colwell, Inner City Romance che descrive le ingiustizie razziali e sociopolitiche. Ha vissuto per un po’ nella Good Times Commune e ha lavorato al giornale clandestino che producevano. A partire dal 1980, ha lavorato anche per Rip off Press, ma nel 1986 ha lasciato per la Grande Marcia per la Pace per il Disarmo Globale, dove ha tracciato le mappe dei percorsi per la marcia e ha abbozzato la vita quotidiana dei manifestanti pacifici. È tornato alla stampa Rip Off nella loro nuova struttura ad Auburn ed è rimasto lì fino al 1992. Colwell non ha mai smesso di dipingere e ha esposto i suoi dipinti socio-politici e controversi nella Bay Area. Il lavoro di Colwell è nelle collezioni del Crocker Art Museum di Sacramento e dal Pritikin Museum di San Francisco.


Di Guy Colwell è disponibile il volume che la nostra casa editrice gli ha recentemente dedicato, Inner city romance

Guy Colwell Inner City Romance